Il tiro con l’arco è uno sport che può apparire un po’ defilato rispetto ad attività che muovono più spettatori e sponsor ma in realtà è un’attività di nobile ed antica tradizione, che richiede abilità particolari.
Infatti, per riuscire a centrare il bersaglio, serve una coordinazione mano-occhio fuori dal comune ed anche un notevole autocontrollo e determinazione a migliorarsi sempre.

Siamo così entrati in contatto con il mondo dell’arco compound ed abbiamo conosciuto un giovane talento italiano di questa specialità, il giovane arciere massese Valentino de Angeli.
De Angeli ha appena 18 anni ma le sue qualità sportive già spiccano e gli hanno meritatamente dato riconoscimenti in vari campionati ai quali ha partecipato, come, solo nel 2019, il TRUBALL/AXCELL ROMA ARCHERY TROPHY a Roma, l’EUROPEA YOUTH CUP 1ST LEG in Slovenia, il SAMSUN 2019 EUROPEAN INDOOR ARCHERY CHAMPIONSHIP in Turchia, il NIMES ARCHERY TOURNAMENT in Francia, l’EUROPEAN YOUTH CUP in Romania e il WORLD ARCHERY YOUTH CHAMPIONSHIP in Spagna.

Certo, si può dire che la nazionale giovanile di tiro con l’arco non conosce riposo, tenendo anche conto dell’allenamento costante e della preparazione atletica che richiede tirare a questi livelli.

Valentino con passione e col sostegno della famiglia ha viaggiato, conosciuto alti e bassi e continuato a mettersi alla prova come ogni campione sa di dover fare instancabilmente. A 18 anni ha alle spalle un curriculum di tutto rispetto e ci riempie di orgoglio sapere che spesso ha portato con sè uno strumento Konus, si è affidato a lui e non è mai rimasto deluso.

L’arco compound è un arco che usa un sistema di carrucole per indirizzare meglio la freccia ridurre lo sforzo di tensione. Con questo tipo di arco è possibile trasmettere alla freccia una maggiore quantità di energia e di poter essere più accurati nella fase di mira. Le frecce utilizzate con questi archi sono principalmente in alluminio o in fibra di carbonio, ma ne esistono anche di altri materiali.

La dimensione e il tipo di asta delle frecce dipende dalle qualità dell’arco e dell’arciere, per cui ogni arciere ne ha a disposizione diverse. L’inerzia della freccia, infatti dipenderà sia dai materiali con i quali è costruita, sia dalla forza con la quale viene scoccata dal’arco.

binocolo caccia al cinghiale konus

É oggettivo che per praticare questo sport sia molto importante avere confidenza con il bersaglio, capire come mirare al meglio e poi vedere anche il risultato dei propri tiri, ed è qui che entra in gioco uno strumento molto importante come il binocolo. Il binocolo, infatti, non solo avvicina l’immagine osservata ma ne esalta la luminosità e la chiarezza, rendendo immediato notare particolari assolutamente in secondo piano se si osservano ad occhio nudo.

Il binocolo è un compagno indispensabile per l’arciere e il nostro Valentino ha scelto ottimamente il modello KONUSREX. Un binocolo top della gamma Konus, unisce un’estetica funzionale con il corpo impermeabile e gommato a una qualità dell’immagine sbalorditiva. Il suo trattamento Silver coating, infatti elimina completamente aberrazioni cromatiche e riflessi rendendo la visione praticamente perfetta.

Inoltre gli oculari molto grandi permettono di incamerare una grande quantità di luce e quindi di osservare con una elevata luminosità, il tutto unito alla consueta qualità ottica e meccanica dei binocoli Konus. Il Konusrex è anche un binocolo grandangolare, inquadra perciò un campo visivo più ampio rispetto a un normale binocolo permettendo una migliore padronanza del bersaglio.

Valentino in persona afferma: ​

In questo periodo sto usando il binocolo Konusrex 10×50 e devo dire che è assolutamente funzionale e performante per il tiro con l’arco. Penso che sia perfetto per ogni arciere che è in cerca di un binocolo dalla qualità elevata e che lo possa aiutare a raggiungere i propri obbiettivi.

Per coloro che si affacciano al mondo del tiro con l’arco e che vogliono contenere l’investimento iniziale, un “entry level” che proponiamo come binocolo è il modello #2327 Titanium O.H. 8×42 che certamente ha ingrandimenti e campo visivo inferiori rispetto al modello Konusrex citato ma che grazie ai prismi Bak-4 e agli oculari extragrandi può svolgere la sua funzione esaltando la performance del tiratore.

Nel tiro con l’arco il cannocchiale di solito è lo strumento più diffuso e chi si affaccia a questo mondo si orienta su un modello di poco ingombro visto che non serve un ampio obiettivo per inquadrare il bersaglio.
Il modello Konus venduto di più per questa pratica è il #7128 Konuspot-65 in quanto consente di avere un ingrandimento zoom da 15 a 45x, ha le ottiche multitrattate ovvero non sono state trattate solo le superfici esterne ma anche le superfici dei prismi interni e questa differenza, seppur incida sui costi di produzione, consente di elevare la qualità ottica ottenendo immagini più nitide e contrastate.

Questo modello ha in dotazione un treppiede da tavolo, una borsa professionale e anche l’adattatore per fare fotografia.
Grazie all’adattatore smartphone è possibile scattare foto, realizzare filmati di ciò che si osserva e qualora si voglia utilizzare una macchina fotografica reflex nella confezione si troverà anche l’adattatore che unitamente all’anello T/2 da acquistare a parte connetterà la camera all’oculare del cannocchiale.

Ovviamente il tiratore necessita che il cannocchiale abbia un treppiede da terra e quindi Konus propone il modello #1954 3-Pod 4 che con le sue tre sezioni si presta a differenti regolazioni.
E’ un modello facile da posizionare grazie anche alle due bolle di livello, ha la testata con sistema di sganciamento rapido, borsa in tessuto, puntale in gomma e un altezza massima di 168 cm.
Da non trascurare il peso contenuto perchè ogni tiratore ha già tante cose da trasportare e quindi un treppiede come questo che pesa 2,3 Kg. è apprezzabile anche per la sua praticità.

Per determinare in modo preciso e veloce la distanza del bersaglio consigliamo inoltre l’acquisto di un telemetro che dà immediatamente una misurazione accurata. Nella gamma Konus vi sono telemetri che misurano fino a 600 metri, fino a 700 metri e fino a 1500 metri. Per il tiro con l’arco in realtà il modello base #7314 RF700 è adatto all’uso perchè pur trattandosi di un primo prezzo è dotato della funzione scansione così che anche muovendosi si leggano le varie misurazioni sul display. Inoltre funziona anche in condizioni meteo avverse e grazie alle dimensioni compatte può stare in una tasca.

Auguriamo a Valentino di raggiungere nuovi traguardi, di guardare sempre avanti anche in un periodo così delicato che limita anche la sua attività sportiva e la speranza è quella di accompagnarlo coi nostri strumenti ancora per tanti tanti successi.

Per seguire Valentino e il suo team potete mettere mi piace al suo profilo facebook

https://www.facebook.com/valentino.deangeli/about_life_events